Stai cercando parquet massello mutenye africa a Nettuno? Montagna Parquet è la soluzione giusta per te!

Modifica la tua ricerca
Puoi affinare i risultati della tua ricerca cliccando su più filtri tra quelli di seguito proposti.
Mutenye Africa

Produzione e vendita di parquet massello mutenye africa a Nettuno

Ti offriamo la migliore produzione di parquet massello mutenye africa a Nettuno!

Il parquet (pron. "parchè") è una pavimentazione composta da legno massiccio di spessore che può variare da mm 10 a mm 22 o dall'assemblaggio di singoli elementi di legno con spessore minimo di mm 2,5 (secondo le normative europee) ad un supporto che può essere in multistrato di betulla o altro prima della posa.

Guibourtia arnoldiana (De wild. & Th. Dur.) J. Lèon
Il Mutenye (o Noce Daniela) è un legno che proviene dalle foreste tropico equatoriali africane. È una specie legnosa che presenta caratteristiche di durezza molto elevata, molto resistente alla pressione ed alla trazione.a fronte di una stabilità bassa. Il colore varia notevolmente: dal bruno rosato al bruno cupo più scuro. Il mutenye ha una fibratura intrecciata o ondulata e una  tessitura  fine ed omogenea.Questo legno trova ampio impiego nell’industria dei parquet, in sostituzione al noce, ed anche nella costruzione di mobili, strumenti musicali, oggetti torniti, ecc.
Il Mutenye è una specie legnosa estremamente performante e con molto carattere, in grado di caratterizzare in maniera decisa e originale gli ambienti ove essa viene collocata.



Nettuno è un comune italiano di 49 607[2] abitanti, della città metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio.
Affacciata sul mar Tirreno, rappresenta la diretta continuatrice storica dell'antica città di Antium[4], luogo termale e di villeggiatura al tempo dei Romani.
In seguito, dal Medioevo fino all'Unità d'Italia, Nettuno fu il feudo di diverse casate del Lazio, mentre durante il fascismo fu unita in un'unica.

Si trova al confine tra l'Agro Romano e l'Agro Pontino. È una città del litorale laziale ed è bagnata dal Mar Tirreno.

Sul territorio comunale sono stati rinvenuti diversi minerali; il più rilevante, per il quale è definita località tipo, è la perrierite-(Ce)[5].

Sotto la città si trovano parecchi cunicoli e gallerie usate durante la Seconda guerra mondiale dai cittadini per ripararsi dai bombardamenti.

Chiudi