X

AVVISO ALLA CLIENTELA

 

Avvisiamo la gentile clientela che a seguito di un guasto che persiste ormai da giorni sulla nostra linea telefonica, non saremo in grado di essere reperibili fino alla risoluzione del guasto.

Vi invitiamo pertanto ad inviarci qualunque tipo di comunicazione per mezzo email scrivendo a [email protected] ,indicandoci, se necessario, un vostro recapito telefonico.

 

Vi ringraziamo per la vostra gentile collaborazione.

Montagna Parquet Srl

Stai cercando parquet massello cabreuva a Latina? Montagna Parquet è la soluzione giusta per te!

Modifica la tua ricerca
Puoi affinare i risultati della tua ricerca cliccando su più filtri tra quelli di seguito proposti.
Cabreuva

Produzione e vendita di parquet massello cabreuva a Latina

Ti offriamo la migliore produzione di parquet massello cabreuva a Latina!

Il parquet (pron. "parchè") è una pavimentazione composta da legno massiccio di spessore che può variare da mm 10 a mm 22 o dall'assemblaggio di singoli elementi di legno con spessore minimo di mm 2,5 (secondo le normative europee) ad un supporto che può essere in multistrato di betulla o altro prima della posa.

Myroxylon spp.
Si tratta di una pianta nativa nelle regioni orientali del Brasile che appartiene alla famiglia delle Leguminosae papilionaceae. È un albero che raggiunge i trenta metri di altezza con un tronco di circa ottanta centimetri di diametro. è un legno dal colore caldo con venature scure. Di scarsa ossidazione, tende ad assumere un aspetto uniforme con il passare del tempo. Oltre che per pavimenti, la Cabreuva (o Balsamo) è utilizzato in architettura per gli spazi esterni e nell’artigianato artistico.Le tavole di cabreuva hanno buona durezza e resistenza al calpestio e sono piuttosto stabili. La tessitura di quest’essenza varia da molto fine a media, come anche la venatura non è sempre regolare e nemmeno molto marcata. Le fantasie che questo legno crea quando è disposto a pavimento sono raffinate e mai troppo decise.



Latina è un comune italiano di 126 161 abitanti[1], capoluogo dell'omonima provincia nel Lazio.

Fondata col nome di Littoria durante il ventennio fascista ed inaugurata il 18 dicembre 1932[3], è una delle più giovani città d'Italia: assunse la denominazione attuale il 7 giugno 1945 a seguito della pubblicazione del decreto luogotenenziale del 9 aprile 1945, n. 270[4], con cui il toponimo fascista veniva sostituito da uno che consentiva di mantenere la sigla esistente della provincia.

È la seconda città del Lazio per numero di abitanti[1], preceduta soltanto da Roma.

Chiudi