Stai cercando parquet massello cabreuva a Frosinone? Montagna Parquet è la soluzione giusta per te!

Modifica la tua ricerca
Puoi affinare i risultati della tua ricerca cliccando su più filtri tra quelli di seguito proposti.
Cabreuva

Produzione e vendita di parquet massello cabreuva a Frosinone

Ti offriamo la migliore produzione di parquet massello cabreuva a Frosinone!

Il parquet (pron. "parchè") è una pavimentazione composta da legno massiccio di spessore che può variare da mm 10 a mm 22 o dall'assemblaggio di singoli elementi di legno con spessore minimo di mm 2,5 (secondo le normative europee) ad un supporto che può essere in multistrato di betulla o altro prima della posa.

Myroxylon spp.
Si tratta di una pianta nativa nelle regioni orientali del Brasile che appartiene alla famiglia delle Leguminosae papilionaceae. È un albero che raggiunge i trenta metri di altezza con un tronco di circa ottanta centimetri di diametro. è un legno dal colore caldo con venature scure. Di scarsa ossidazione, tende ad assumere un aspetto uniforme con il passare del tempo. Oltre che per pavimenti, la Cabreuva (o Balsamo) è utilizzato in architettura per gli spazi esterni e nell’artigianato artistico.Le tavole di cabreuva hanno buona durezza e resistenza al calpestio e sono piuttosto stabili. La tessitura di quest’essenza varia da molto fine a media, come anche la venatura non è sempre regolare e nemmeno molto marcata. Le fantasie che questo legno crea quando è disposto a pavimento sono raffinate e mai troppo decise.



Frosinone (AFI: /froziˈnone/[3], Ascolta[?·info]; Frusenone /frusəˈnoːnə/ in dialetto frusinate[4]) è un comune italiano di 46 114 abitanti[1] capoluogo dell'omonima provincia del Lazio, spesso identificato anche come capoluogo della Ciociaria, è un centro industriale e commerciale. Geograficamente costituisce un importante nodo di comunicazione del Lazio meridionale; Città volsca con il nome di Frusna e poi romana come Frùsino, nel corso della sua storia a causa della sua collocazione è stata soggetta a molteplici devastazioni e saccheggi; in conseguenza di ciò e delle distruzioni dovute ad eventi sismici (il più rovinoso dei quali fu nel 1350) conserva poche seppur importanti tracce del proprio passato, come le rovine dell'anfiteatro, i reperti conservati nel museo archeologico cittadino e il monumento funerario del II secolo in località Sant'Angelo

Chiudi